All posts by Admin

Colori e oroscopo: come l’oroscopo influisce sull’arredamento

Se credi nell’Oroscopo allora vuol dire che già ritieni che gli astri possano in qualche modo influenzare i tuoi comportamenti, le tue passioni e anche la tua visione del mondo. Secondo l’astrologia ogni segno zodiacale ha il suo colore specifico ed è quindi altamente consigliato utilizzare proprio quello nell’arredamento della casa.

Come l’oroscopo influisce sull’arredamento segno per segno

Cosa ti consigliano le stelle sull’arredamento della tua casa? Scopriamolo!

Ariete: un salotto ricco di “rosso”

Nessun dubbio sull’Ariete: secondo oroscopissimi, il suo colore è il rosso. Se questo è il tuo segno, sei quasi sicuramente una persona dotata di molta energia e impulsività e attribuisci anche molta importanza al rapporto con gli altri. Gli Ariete sono sempre tenaci quando si tratta di perseguire i propri obiettivi e accettano molto di rado critiche o consigli. Se sei un Ariete dovresti concentrarti soprattutto sull’arredamento del salotto, il luogo ideale per accogliere gli amici per passare momenti sereni.

Toro: una cucina all’insegna del “verde”

Se sei un Toro allora, secondo l’Oroscopo, allora il tuo colore è il verde. Come tutti i Toro dovresti essere una persona molto leale e generosa ma che, quando essere, sa anche essere severa. I Toro sono amanti della buona tavola e della casa in generale, per questo dovresti concentrarti soprattutto nell’arredamento della cucina, il luogo perfetto dove potrai cucinare i tuoi piatti per amici e parenti.

Gemelli: una predilezione per il “giallo” e la camera da letto

I Gemelli sono persone che hanno una grande propensione alla comunicazione con gli altri. Se sei un Gemelli sei anche una persona molto dinamica che è aperta alla conoscenza dell’altro ma che, in alcuni casi, potrebbe farsi sovrastare dal pessimismo. Il tuo colore preferito come Gemelli è il giallo e ti consigliamo di concentrarti soprattutto nell’arredamento della camera da letto, magari preferendo componenti di tipo etnico per assecondare la tua curiosità nei confronti del diverso.

Cancro: un arredamento all’insegna del bianco

Se sei un Cancro allora sei molto facilmente un sognatore che appare sempre calmo ma che spesso ha il cuore in subbuglio e anche una certa malinconia. Non ti manca certo la fantasia ma sei anche piuttosto lunatico e volubile. Per i Cancro il consiglio degli astri è quello di preferire il colore bianco e di concentrarti ad arredare quella zona della casa dove ami rilassarti solo con te stesso.

Leone: che ne dici di un soggiorno arancione?

Il colore dei Leone è l’arancione. Se sei nato sotto questo segno di fuoco allora sei probabilmente una persona molto forte e audace che è sempre pronta a fare nuove esperienze. Loquace e ambizioso, la parte della casa che dovresti arredare con maggiore attenzione è sicuramente il soggiorno. Scegliere l’arancione come colore dominante ti darà sempre nuova energia psicofisica.

Vergine: un amante del grigio e del minimal

I Vergine sono molto pratici e razionali e tendono ad essere sempre molto metodici in tutto quello che fanno. Se sei un Vergine dovresti essere una persona molto timida e discreta che rifugge l’impulsività e che ammette difficilmente i propri difetti. Il tuo colore preferito è sicuramente il grigio mentre, per quanto riguarda lo stile di arredamento, ti consigliamo il minimal.

Bilancia: progetta il tuo bagno rosa

L’Oroscopo ci dice che il colore preferito per i Bilancia è il rosa. Se sei una Bilancia sei una persona molto equilibrata e ordinata che può avere la tendenza a imporsi sugli altri ma che, di solito, è sempre cordiale e disponibile. Ti consigliamo di scegliere con cura i complementi di arredo, specialmente del bagno, con una preferenza per il colore rosa.

Scorpione: usa il nero

Il colore tipico dello Scorpione secondo gli astri è il nero. Se sei di questo segno allora ti riconoscerai nella descrizione che viene fatta di una persona testarda e tenace che fa della sensualità il proprio marchio di fabbrica. Se sei uno Scorpione rifuggi le vie di mezzo e adori il lusso. Ti consigliamo di giocare con il nero soprattutto per quel che riguarda la tua camera da letto e di provare a creare la tua atmosfera ideale.

Sagittario: azzurro e nuove tecnologie

Il Sagittario è il segno del “coraggio” e dell’intraprendenza dello zodiaco. Se sei un Sagittario il tuo colore preferito è il turchese e potresti utilizzarlo per arredare la tua casa combinandolo con oggetti tecnologici visto che sei un grande amante delle novità a tutti i livelli. Da buon Sagittario sei una persona spiritosa e dinamica ma che spesso si arrabbia per cose poco importanti.

Capricorno: marrone per riflettere

Il Capricorno è un segno zodiacale molto riflessivo che non mette però da parte l’ambizione. Se sei nato sotto questo segno allora dovresti cercare di arredare casa tua così da facilitare i tuoi momenti di riflessione. Il tuo colore preferito come Capricorno è il marrone e dovresti avere una predilezione per i materiali naturali.

Acquario: un open-space a tutto “viola”

Tutti i nati sotto il segno dell’Acquario sono persone che non sopportano la solitudine e tendono a ragionare sempre fuori dagli schemi. Se sei un Acquario tra i tuoi valori ci sono soprattutto l’amicizia e la libertà ma dai forse troppa importanza al giudizio che hanno gli altri di te. Il tuo colore preferito dovrebbe essere il viola che ti consigliamo di dosare con attenzione nella creazione del tuo open-space.

Pesci: un bagno azzurro per il tuo benessere

Da buon segno d’acqua i Pesci prediligono il colore azzurro. Se sei un Pesci sei una persona dallo spiccato senso artistico che a volte nutre poca fiducia in se stessa. Sei un sognatore ad occhi aperti e quindi dovresti arredare la tua casa in modo da facilitare la tua fantasia magari prestando particolare attenzione al bagno.

 

Il Senso della felicità: la scienza contro la tristezza del Blue Monday

Recentemente anche il Censis ha confermato che gli italiani hanno perso gradualmente la loro serenità. Per sette persone su dieci si viveva meglio quando non era la tecnologia a occupare tutto il nostro tempo e quando le interazioni umane erano più sincere, semplici e non limitate da lockdown e restrizioni da zona gialla, arancione e rossa. In più, negli ultimi anni si è indebolita la fiducia nelle istituzioni e, mese dopo mese, le incertezze economiche hanno iniziato a spaventare anche le categorie storicamente più sicure.

Oggi 18 gennaio, secondo le scienze sociali, tutto questo dovrebbe raggiungere il suo apice negativo. Parliamo, infatti, del Blue Monday: il giorno più triste dell’anno. Secondo lo psicologo dell’Università di Cardiff che per la prima volta ha calcolato questa data, a determinarne la particolare tristezza sono una serie di fattori tra cui il freddo, le poche ore di luce, i sensi di colpa per gli eccessi natalizi, il fallimento dei primi buoni propositi per l’anno nuovo e le prossime vacanze ancora troppo lontane. Elementi negativi che si concentrano, ogni anno, nel terzo lunedì di gennaio (per le popolazioni che vivono nell’emisfero boreale), a cui si sommano nel nostro Paese le recentissime restrizioni, previste dall’ultimo dpcm.

Coraggiosamente e in controtendenza, oggi 18 gennaio 2021 è la data scelta dal progetto Senso della Felicità per presentare al mondo il frutto di uno studio trentennale, una metodologia efficace – secondo gli autori – per essere felici. Un modello da seguire attivamente (sì, non basta sapere quali sono le aree da migliorare, bisogna impegnarsi davvero per migliorarle) per raggiungere, in modo sistematico e continuo, la sensazione di benessere psicofisico comunemente definita felicità. Una promessa davvero allettante, tanto che il solo annuncio di questa rivelazione e il passaparola hanno portato, in poche settimane, oltre 23 mila utenti a seguire la pagina “Il Senso della felicità” su Facebook.

La (nuova) verità sulla felicità

Lo studio ha individuato, con risultati sorprendenti, quelle che sono le principali sei fonti della felicità per l’individuo. Una metodologia che punta a stravolgere tutta una serie di assunti – dalla saggezza popolare ai risultati di altre ricerche – e scrivere un vero e proprio manuale d’istruzioni per gli esseri umani.

L’assunto di partenza è che nonostante fin da piccoli riceviamo lezioni di vita sul tema e crescendo siamo continuamente bombardati da promesse di felicità, magari sottoforma di spot pubblicitari a cui spesso diamo fiducia, e nonostante il nostro benessere sia spesso parte della mission dell’azienda per cui lavoriamo, la felicità è ben lontana dall’essere di dominio pubblico (come confermato dalle statistiche nazionali e internazionali). Ecco che il punto d’origine, non può essere che demolire drasticamente queste pseudocertezze, raramente messe in discussione.

Il senso della felicità: i sei passi verso la felicità

Sgombrato il campo da precedenti affermazioni, il modello per trovare il Senso della felicità è molto chiaro. Le aree di intervento sono sei passi da eseguire scrupolosamente. Per l’esecuzione non c’è un ordine fisso né una gerarchia, c’è un’unica regola: sei sono e sei restano. Quindi devono essere compiuti tutti, senza lasciarne indietro neppure uno, perché il raggiungimento di ognuno permette di godersi gli altri. Un effetto di moltiplicazione edonistica che invita a non privilegiare, come si fa spesso, un’area a costo delle altre. Basti pensare a quanti per la carriera, sottraggono tempo ed energie alle relazioni affettive e/o al proprio benessere psicofisico.

Ma quali sono quindi i sei passi, le sei fonti della felicità, le sei aree della nostra vita su cui concentrare la nostra attenzione e le nostre energie se vogliamo vivere una vita soddisfacente?

Mobilità

Data per scontata fino a un anno fa e terribilmente compressa nel corso degli ultimi mesi, la possibilità di muoverci e viaggiare è una delle fonti della felicità. Il dato è abbastanza incontrovertibile, non siamo nati per stare seduti ore ed ore davanti al pc, alla televisione e ad altri schermi – come purtroppo facciamo in molti – ma come animali erranti che hanno il primordiale bisogno di perlustrare, muoversi e calpestare. Viaggiare, secondo il metodo significa arricchirsi di esperienze piacevoli, soddisfare il bisogno di varietà, conquistare nuove mete. L’esortazione è a fare di questo uno stile di vita, non un’eccezione alla regola. Per vivere secondo la nostra natura più profonda.

Aspetto fisico

La cura della propria forma fisica e della propria estetica, tanto per gli uomini quanto per le donne, è uno dei fondamenti del metodo. La nostra esteriorità è ciò che le persone notano inizialmente di noi, ciò che più evidentemente percepiamo di noi stessi e influenza direttamente il nostro umore. È innegabile che quando ci vediamo più belli, si tratti del risultato di qualche mese di dieta e sport o di un vestito che ci valorizza, ci sentiamo immediatamente meglio. Per il metodo dovremmo dedicare all’allenamento, alla corretta alimentazione e a tutte le cure che migliorano il nostro aspetto, la stessa cura e le stesse energie che un artista dedica alla sua opera. Dal fitness al wellness!

Ricchezza

In netto contrasto con chi sostiene che “i soldi non comprano la felicità”, il modello parte dall’assunto che nel mondo reale quasi tutto, non essendo disponibile all’infinito, ha un prezzo. Quanto costa, allora, la felicità? Il calcolo non può essere fatto sommando asset finanziari, beni mobili e immobili, ma in tempo: tempo da dedicare a ciò che più ci piace. Piuttosto che ad accumulare ricchezza, che a un certo punto diventa fine a sé stessa, il modello invita a dedicare energie per raggiungere, rispettando le leggi, la propria libertà finanziaria. La possibilità di fare quello che ti pare, quando ti pare e come ti pare. Il denaro, quindi, non come fine, ma come mezzo per pagare in contanti il prezzo della libertà.

Notorietà

La timidezza è nemica della felicità. Non possiamo essere felici se abbiamo paura a esporci, a farci conoscere, a condividere chi siamo, cosa facciamo e cosa proviamo. Condividere una bella sensazione effettivamente ne moltiplica il piacere e al tempo stesso, secondo il modello, condividere una brutta sensazione ne mitiga gli effetti. Esponendoci in questo modo, esercitiamo il piacere di influenzare gli altri. Un privilegio un tempo dominio di poche persone considerate VIP, e oggi alla portata di tutti grazie alla tecnologia. In pratica, l’invito a essere tutti un po’ influencer, indipendentemente dal numero di followers.

Sessualità

Il modello invita ogni donna e ogni uomo a riscoprire il proprio lato primordiale, i propri istinti più profondi, e praticare una libertà sessuale fluida che punti a reclamare il proprio diritto al piacere. Una libertà che non solo trasgredisca la maggior parte delle regole morali, ma non riconosca proprio le limitazioni sociali in questo campo. Unica regola da rispettare, secondo il Senso della felicità, è la manifesta consensualità del (o dei) partner, il resto è tutto da scoprire e provare. Addio quindi ai vincoli della monogamia, della morale e degli orientamenti di genere predeterminati. Tutto ciò che ci fa godere è, quindi, cosa buona e giusta

Spettacolarità

Nel grande spettacolo della nostra vita ognuno di noi è un protagonista unico. Spettacolarità per il Senso della felicità significa valorizzare la propria unicità, i propri tratti particolari, tutto ciò che ci rende una straordinaria singolarità. L’invito è quindi a creare uno stile unico di fare e di pensare e a condividerlo (secondo quanto abbiamo visto circa la notorietà), rendendoci riconoscibili in tutto ciò che facciamo. L’equivalente funzionale della firma di un pittore e del suo inconfondibile modo di vedere e raccontare la realtà. Attraverso questo sviluppo della propria singolarità ognuno può e deve, secondo il Senso, trovare il proprio scopo della vita, una missione che ci connetta agli altri, ai nostri più profondi valori e a ciò per cui valga la pena mettere la nostra faccia. Per esercitare la più alta forma di felicità.

Il Senso della felicità aiuterà gli italiani a essere più felici?

Grazie a questo modello, essere felici appare non più come un miraggio, un obiettivo sempre all’orizzonte, ma come una meta raggiungibile. Il percorso, naturalmente, richiede un certo impegno e non tutti i passi presentano la stessa difficoltà, come ammettono gli stessi autori: Uno è più facile, è nella tua natura, un altro è una scalata a mani nude. Uno è un passo di danza, un altro è un salto nel vuoto.

Tutto sta naturalmente, ora che abbiamo le istruzioni, a seguirle. A non cercare scorciatoie e a scegliere di lavorare sui nostri punti di debolezza, anziché allenare ancora di più i nostri punti di forza. Se questo progetto contribuirà a cambiare l’umore della nazione, da cui si è deciso di iniziare la divulgazione del Senso della felicità, dipenderà da quanti italiani lo adotteranno e lo seguiranno passo dopo passo.

Televisori medi per piccoli e medi spazi della casa

Sperando che cosa sia gradita, abbiamo fatto per voi una piccola ricerca dei migliori televisori medi adatti a piccoli e medi ambienti della casa, ad esempio camera da letto, stanze dei ragazzi o anche la cucina.

In tutte le case infatti c’è sempre uno schermo principale in salone dove si condividono film e cartoni animati insieme, un programma o uno show musicale importante (si avvicina Sanremo che viene condiviso anche con gli amici), le partite di campionato con anche classifiche di risultato, quote sportive e news su giocatori o di mercato (importanti anche per giocare qui: www.wildtornado.info).

Tutte queste cose possono essere ripetute nelle stanze più piccole della casa dove si ha sempre un televisore in più perché magari non tutti vogliono vedere la stessa cosa. Pensate ai figli che vogliono vedere cartoni animati, videogiochi o altro, i genitori che guardano attualità, film, documentari e altro, insomma un classico.

La seconda o terza tv in casa, come deve essere?

Come deve essere il secondo televisore di casa, o anche il terzo o il quarto, quanti ne volete nella vostra abitazione? In genere se ne sceglie uno gigantesco e di qualità per il salone, dove saranno felici anche gli ospiti di guardare qualche cosa insieme. Dei modelli più piccoli, diciamo medi, ma con le stesse funzioni grafiche e di connessione di quelli più grandi. Facendo una ricerca in rete ecco alcuni modelli interessanti che abbiamo trovato

1) LG NanoCell TV 55”

Il primo modello di televisore medio che abbiamo trovato è quello che leggete nel titolo. Si tratta di uno schermo medio dell’azienda asiatica LG della Serie Nano 86, dotato di processore Gen 8k AI ThinQ. E’ una smart tv di qualità che rendere bene i colori di film, cartoni animati e partite di calcio. Il costo di questo modello sul sito ufficiale è di 799,99 euro, prezzo che potrebbe scendere o in altri store convenzionati oppure con l’arrivo dei nuovi modelli da poco presentati al Ces 2021 e che costeranno leggermente di più.

2) Sony Smart 49” Ultra HD da 4K, a Mediaworld

Il televisore medio che stiamo per descrivere lo abbiamo trovato sul sito della Mediaworld al costo scontato di 600 euro, possibilità di finanziamento per rateizzazione a tasso zero e con pagamento mensile (20 rate) da 34,95 euro. Il televisore medio è ultra hd, con risoluzione pixel 3840×2160, dotato di Wifi, Ethernet, Turner Digitale, Csse integrate. Distribuito da Sony Italia ha classe energetica A, frequenza 400 Hz, dotato di T.digitale terrestre DVB-T2 HEVCe Satellitare DVB-S2. Un modello piccolo con sistema operativo AndroidTV adatto per piccole stanze, cucina, camera da letto, stanze ospiti e ragazzi. Grafica eccezionale per film ad effetti speciali, sport, documentari, cartoni animati e videogiochi. Ricordiamo che Sony ha partecipato al Ces 2021 con molte novità, la più chiacchierata è la sua prima auto, un prototipo che presto avrà un suo concessionario di vendita nelle città.

3) Philips Ultra HD Smart Tv Wi-Fi Argento

Anche Philips sta arrivando negli store digitali con novità Ces 2021, quindi il prezzo di 599 euro già scontato all’Unieuro potrebbe essere ancora più abbassato nei prossimi mesi. Il televisore medio che trovate nominato nel titolo può essere ordinato e acquistato anche online e pagato velocemente grazie a Paypal. Nel Philips 50 PuS8535 vince il colore argentato che rende questo monitor medio molto elegante. Se avete una cucina moderna o una stanza degli ospiti dal design minimalista, questo piccolo gioiello argentato sarà la scelta giusta. Lo schermo è da 50 pollici, quindi non grandissimo ma nemmeno troppo piccolo. La risoluzione pixel è: 3840 x 2160 pixel. Il formato del segnale digitale è: DVB-C,DVB-S,DVB-S2,DVB-T,DVB-T2,DVB-T2 HD. Il sistema operativo incluso è Android e concludiamo con la tipologia che è HD 4k Ultra HD. In queste poche e semplici informazioni fornite trovate la sintesi delle migliori qualità di questo piccolo e medio televisore.

Vivere comodi in una casa piccola

Piccola non vuol dire scomoda

Sentendo parlare di casa piccola, alcuni si sentono soffocare. In effetti non è sempre facile arredare una casa di piccole dimensioni. Essa richiede delle accortezze non necessarie in un appartamento grande, che consente una maggiore libertà di movimento.

Nelle città, i piccoli appartamenti sono sempre più in voga. Forse anche noi, per necessità, ci ritroviamo a vivere in uno spazio più piccolo di quello che reputiamo necessario per vivere bene nella propria casa.

Ci sono però degli accorgimenti che possiamo adottare per rendere la nostra abitazione non solo vivibile, ma anche comoda ed accogliente.

Parliamo di comodità. Questa è legata alla possibilità di muoversi liberamente negli spazi, senza dover scansare in continuazione oggetti o arredi per i quali non abbiamo una postazione definita. Il disordine è il nemico giurato della comodità. Può diventare causa di stress la difficoltà nel trovare quello che ci serve, quando ci serve…

Ecco perché, in un’abitazione piccola è più necessario che mai effettuare delle scelte che seguano certi criteri. Vediamone alcuni.

Ottimizzare gli spazi

La parola d’ordine, in una casa dalle dimensioni ridotte è: ottimizzare. In ogni abitazione ci sono angoli inutilizzati, pareti o nicchie che possiamo sfruttare con l’aiuto di mensole e ripiani. Possiamo lasciare le mensole a vista, per esporre dei piccoli oggetti o delle foto, o ricrearci dei ripiani che possiamo chiudere con degli sportelli o delle tendine, per riporre indumenti o altri oggetti personali.

La scelta degli arredi giusti può contribuire molto a semplificare la nostra vita in casa. In commercio si trovano infatti tavoli e sedie di design richiudibili, che occupano spazio solamente quando vengono utilizzati. Un divano letto, o un letto a scomparsa non rimarrà ad ingombrare un’intera stanza durante il giorno.

Anche se la superficie non è molto estesa, la casa ha una buona altezza? Abbiamo valutato la possibilità di realizzare un soppalco? Oltre ad essere bello esteticamente, ci consente di recuperare metri preziosi per la nostra zona giorno, dove avremo più libertà di movimento. Sul soppalco potremo infatti realizzare la nostra camera da letto o un piccolo studio. In queste zone, infatti, il problema dell’altezza non è un grosso limite.

Per illuminare una casa piccola, la soluzione ideale potrebbe essere rappresentata dalle strisce led. Queste fonti di illuminazione, oltre ad essere altamente performanti, consumano molto poco e non occupano alcuno spazio.

Rimanendo in tema di luminosità, il nostro consiglio è quello di evitare qualsiasi cosa che vada ad “appesantire” e rendere opprimente l’ambiente.

La colorazione delle pareti ad esempio, non dovrebbe essere di un colore troppo scuro. Alla lunga potrebbe stancarci, influendo negativamente sul nostro umore. Preferiamo delle tonalità più chiare e luminose. Utilizziamo degli specchi. Grazie a questi, infatti, la nostra casa sembrerà immediatamente più ampia e spaziosa.

Per decorare le pareti potremmo orientarci verso delle scritte o delle decorazioni adesive, facili da applicare e che non creano alcuno spessore.

Se sei interessato ad altri trucchi e consigli per rendere più più accogliente e confortevole la tua abitazione, visita il sito notiziarioimmobiliare.

Piattaforme giochi online con bitcoin e criptovalute

Se vi piacciono le piattaforme di giochi online e, allo stesso tempo, siete investitori o risparmiatori di bitcoin e criptovalute, le due cose si possono unire. Bitcoin e criptovalute sono monete discusse e molto attuali che da molte persone vengono usate proprio come i soldi e le monete normali. Per convertire soldi in bitcoin o altre criptovalute esistono piattaforme digitali apposite, una forma di banca online che sta acquisendo riconosciumento anche nei circuiti fisici tradizionali con una legislazione ancora in corso di definizione, siamo agli inizia.

Qualche informazioni sul mondo delle criptovalute

Bitcoin è la moneta virtuale più conosciuta e usata, il suo conio è completamente online, viene infatti distribuita tramite tecnologia peer to peer, computer, smartphone e altri dispositivi mobile. La Bitcon è nata nel 2008, creata da Satoshi Nakamoto.

La bitcoin e le altre criptovalute, ne esistono diverse, non hanno una banca centrale di conio o erogazione, viene emessa e immessa nel mercato da più computer collegati tra loro e crittografati.

Un portagolio di bitcoin o criptovalute ha un nome specifico, Wallet. Si gestisce come un normale conto o portafoglio online ma il singolo utente ha la possibilità di cambiare valute con bicoin e viceversa, il sistema di funzionamento e sicurezza si basa su un indirizzo specifico con una chiave pubblica che identifica nel sistema rete la moneta virtuale e la chiave privata per il singolo accesso.

Dove si possono usare bitcoin e altre monete virtuali

Le monete virtuali proprio come gli euro e le altre monete fisiche si usano per acquistare beni o servizi, crearsi un risparmio. Se si hanno bitcoin conservati si possono convertire in euro attraverso banche che permettono la loro transizione, oppure possono essere usati per fare acquisti online ma anche nel commercio tradizionale che inizia ad accettare le criptovalute come sistema di pagamento. Con i bitcoin si possono fare acquisti in e-commerce, siti di viaggi, piattaforme di gioco online.

Betting online e monete virtuali, le piattaforme migliori

All’inizio del nostro articolo e ripetuto nel corso della scrittura, abbiamo parlato di piattaforme gioco online con bitcoin e altre criptovalute. Potete leggere, a proposito, la recensione 1xbit con sezioni per sport, casinò, slot, carte e altri giochi online.

1xbit è un bookmaker nato nel 2007 e regolarizzato solo con licenza rilasciata a Curucao che le permette il gioco regolare nei paesi europei, non ha però licenza AAMS rilasciata dall’agenzia dogane italiana.

La sua piattaforma molto semplice da usare comprende: betting per gli sport più seguiti con la possibilità di seguire in streaming più di mille eventi giornalieri. Ha una sezione dedicata al gaming casinò, 1200 temi scelti per i giochi più diffusi e nuovi. C’è possibilità di iscriversi con diversi sistemi di pagamento tra cui i bitcoin e altre criptovalute, ad esempio Dogecoin, Dash, Digibyte, Ethereum, Zcash, GameCredits e altri. 1xBit ogni giorno presenta promozioni e bonus con sconti sui giochi a scommessa o gettoni promozionali da usare anche per le criptovalute accettate nella piattaforma. Per giocare è sufficiente iscriversi seguendo le indicazioni fornite dalla struttura e chiedere assistenza, se necessario, al servizio clienti attivo tutti giorni.

elettrodomestici-risparmio-energetico

Elettrodomestici a risparmio energetico: guida alla scelta

Quando si acquistano elettrodomestici, spesso si considera solo il prezzo; tuttavia, l’efficienza energetica svolge un ruolo importante nel determinare i costi per il loro funzionamento. Leggendo la classificazione energetica riportata sull’etichetta, l’utente può farsi un’idea di quanto l’elettrodomestico graverà sulla bolletta. Ecco allora una guida alla scelta da shoppingtecnologico.it degli elettrodomestici a risparmio energetico.

Frigorifero a risparmio energetico

Prima di acquistare un frigorifero a risparmio energetico, occorre misurare lo spazio in cui andrà collocato. A tal proposito, bisogna lasciare almeno 2 cm di spazio attorno all’unità, per consentire un flusso d’aria adeguato.

Per quanto riguarda invece le dimensioni, è bene considerare le esigenze della famiglia. I frigoriferi a risparmio energetico sono disponibili in diverse dimensioni, ma quelli più efficienti generalmente vanno dai 400 ai 600 litri.

Sarebbe opportuno non preferire un modello con dispenser e/o distributore di ghiaccio; questi dispositivi, anche se riducono la necessità di aprire la porta del frigorifero, il che lo aiuta a mantenere una temperatura costante, aumentano il consumo di energia del 15-20% e, di solito, aumentano anche il prezzo del frigorifero stesso.

Sarebbe più opportuno scegliere un modello con un interruttore “Energy saver”, che consente di ridurre o spegnere le serpentine di riscaldamento che impediscono la condensa. Ciò consente di ridurre i costi energetici del frigorifero del 5-10%.

Lavastoviglie a risparmio energetico

Oltre consumo ridotto di acqua, la tecnologia utilizzata dalle lavastoviglie a risparmio energetico aiuta anche a renderle più efficienti dal punto di vista energetico. I sensori del suolo, ad esempio, testano quanto sono sporchi i piatti durante tutto il ciclo di lavaggio: il risultato sono piatti puliti con un consumo minimo di acqua, detergente ed energia elettrica.

Anche la filtrazione dell’acqua è migliorata: in questo modo, si rimuove il cibo dall’acqua di lavaggio, che a sua volta consente un uso più efficiente di acqua e detergente durante un ciclo. In altre parole, le lavastoviglie a risparmio energetico spruzzano detergente e acqua in modo più accurato, contribuendo a ridurre l’utilizzo complessivo di acqua nell’elettrodomestico.

I modelli più vecchi usano dai 30 ai 70 litri d’acqua per carico e, considerando che una famiglia di quattro persone genera circa 150 carichi all’anno, il consumo idrico si aggira intorno agli 1.800 litri d’acqua all’anno. Le lavastoviglie di nuova generazione utilizzano 20 litri d’acqua per carico, il che potrebbe comportare una riduzione annuale dell’uso dell’acqua in lavastoviglie di quasi 1.000 litri all’anno.

Forno a risparmio energetico

Per scegliere un forno a risparmio energetico, è necessario prima di tutto controllare il tipo di alimentazione (elettrico o a gas).
Nel dibattito sulla scelta tra forno a gas o elettrico, in termini di efficienza energetica, l’acquisto di un modello a gas è la scelta migliore. Negli ultimi anni, i clienti che utilizzano gas naturale hanno subito dei rincari inferiori rispetto a quelli che utilizzano l’elettricità. Inoltre, un forno a gas si riscalda più velocemente e costa meno.

Si consiglia di scegliere un forno autopulente, poiché ha un migliore isolamento per mantenere il calore all’interno, rendendolo più efficiente dal punto di vista energetico. È una buona idea anche preferire un forno a convezione, perché utilizza circa il 20% in meno di energia poiché ha una ventola che fa circolare continuamente l’aria calda al suo interno. In questo modo, il cibo si cucina più rapidamente e a temperature più basse.

Piano cottura a risparmio energetico

Andrebbe considerato l’acquisto di un piano cottura a induzione, poiché utilizza le bobine magnetiche per riscaldare rapidamente le pentole e lasciare la superficie rimanente fresca al tatto.

Condizionatore d’aria a risparmio energetico

Quando si sceglie un condizionatore a risparmio energetico, la dimensione è un fattore molto importante. Un’unità troppo grande raffredderà l’aria ma la renderà umida, mentre un’unità troppo piccola dovrà sostenere uno sforzo maggiore per mantenere la temperatura impostata, aumentando il consumo energetico. Pertanto, le dimensioni del condizionatore d’aria sono, probabilmente, il fattore più importante da considerare.

Oggi, anche le unità finestra di base sono dotate di display digitali, in modo da impostare una temperatura precisa e persino programmare il tuo A / C in modo che si spenga quando sarai fuori e si riaccenda quando torni a casa.

I sistemi di aria centrale sono spesso ancora più flessibili. Un’altra caratteristica da cercare nei migliori condizionatori d’aria è un’impostazione di risparmio energetico, che faccia in modo che l’unità spenga non solo il compressore ma anche la ventola, una volta raffreddato lo spazio, risparmiando così energia.

Se hai iniziato a sperimentare come rendere la tua casa intelligente, se hai un dispositivo come Alexa o Google Assistant, ad esempio, oppure un termostato abilitato per Wifi che puoi regolare con il tuo smartphone, prendi in considerazione l’installazione di un condizionatore d’aria intelligente.

Puoi trovare versioni intelligenti di tutti i tipi di unità A / C: finestre, unità split, mini portatili, senza condotto e così via; poiché queste unità sono così regolabili, le possibilità di risparmio energetico sono sorprendenti e ti consentono di ottimizzare davvero il tuo utilizzo.

impianto-allarme-costo-antifurto

Impianto d’allarme casa: quanto costano i sistemi antifurto?

Il costo dei sistemi di sicurezza domestica dipende dal prezzo delle apparecchiature, dal progetto, dall’installazione e da altro ancora. Quando si cerca il miglior sistema di sicurezza per la casa, è facile chiedersi quanto costerà davvero. Gran parte del costo dei sistemi di sicurezza domestica è costituito dalle apparecchiature e potrebbe anche includere servizi di monitoraggio professionale 24/7, telecamere di sicurezza cloud storage e la possibilità di controllare il sistema utilizzando l’applicazione mobile del fornitore.

Il sistema di sicurezza con sirene di allarme costa dai 30/50 ai 300€, invece i dispositivi di allarme telefonico costano dai 150 ai 400€. Il monitoraggio professionale fornisce una sorveglianza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e le apparecchiature di sicurezza sono un passo necessario per mettere in sicurezza la propria abitazione.

Molto spesso, le vittime di furti con scasso in casa non si sentiranno più al sicuro e, addirittura, molti di loro mettono in vendita la casa per allontanarsi da quella zona, poiché ciò che provoca più danni non è la perdita dei beni, ma la sensazione che l’intrusione possa accadere di nuovo.
Sono migliaia le aziende in Italia che aiutano a scegliere l’allarme più adatto alla propria casa e ad installarlo in modo professionale: un blog sempre aggiornato online per scegliere l’antifurto è impianti.tech.

Alcune tipologie di allarme

  • Allarme antifurto a campana. Se qualcuno cerca di entrare in casa, si attiva una sirena molto rumorosa dalla durata di circa venti minuti. Oltre al forte rumore della sirena, il pannello di controllo dell’antifurto invia un messaggio fino a 10 persone se rileva un’effrazione. I messaggi vengono inviati tramite la connessione di un telefono fisso o di un cellulare con la carta SIM. L’utente può anche essere avvisato con una telefonata e, non appena la prima persona risponde alla chiamata o al messaggio, l’allarme smetterà di provare a contattare gli altri nomi della lista.
  • Allarmi antifurto monitorati. Oltre al rumore dello squillo, viene inviato un messaggio a un operatore in diretta se viene rilevata un’effrazione con allarmi antifurto monitorati. I membri del personale del centro di monitoraggio cercheranno di telefonare all’utente o chiameranno la polizia che si recerà nella proprietà se l’utente non risponde al telefono.
  • Pannelli antifurto. Sono sempre collegati al circuito elettrico dell’abitazione e sono dotati di batterie di riserva in caso di interruzione di corrente o nel caso in cui qualcuno cerchi di togliere la corrente. Se l’allarme antifurto cablato ha perdite di corrente, normalmente scatta la sirena.

I sensori antifurto

I tipi di rilevatori più comuni sono i rilevatori a infrarossi passivi (PIR), che misurano la temperatura all’interno di una stanza. Se c’è troppa deviazione nella temperatura, suonerà l’allarme – questo perché il calore corporeo di un ladro sarà molto più alto della temperatura ambiente della stanza in cui si trova.

Meno comuni sono i contatti magnetici, attaccati alle finestre e alle porte. Ogni volta che una porta o una finestra viene aperta dopo l’accensione del pannello antifurto, il circuito si interrompe, facendo scattare l’allarme.

Quanto costano i sistemi di allarme?

Se si desidera acquistare una semplice scatola a campana con 2-3 sensori a infrarossi, i prezzi variano da 125 a 300€.
Se si vuole aggiungere un sistema di allarme che contatti il proprietario e fino a 10 altri in caso di effrazione, i prezzi variano da 175 a 350€. Questa opzione comporta una spesa extra nel caso si debba installare un telefono fisso o stipulare un contratto di telefonia mobile solo con la SIM.
Per ogni sensore o portachiavi aggiuntivo (utilizzato per accendere e spegnere l’allarme al posto di una password digitate nel pannello di controllo), si aggiungono tra i 40 e i 110€ per ogni articolo.

È possibile montare il sistema di allarme in autonomia?

Qualsiasi sistema di allarme può essere montato senza l’aiuto di addetti specializzati, ad eccezione di un sistema monitorato. A seconda del livello di esperienza, occorre fino a un giorno di lavoro per una casa di dimensioni standard.
Tuttavia, si consiglia di fare molta attenzione quando si collega il pannello antifurto al sistema elettrico. Per questa delicata fase, è meglio rivolgersi a un esperto.
Inoltre, la polizia teme che i sistemi di allarme fai da te non siano affidabili come quelli installati da un professionista del settore e controllati da un’azienda di fiducia.

quanto-costa-mantenere-auto-anno

Quanto costa mantenere l’auto ogni anno?

Cara auto, ma quanto mi costi? Questo è il grido di tutti gli italiani che, ogni anno, fanno i conti con le spese della loro automobile, tanto amata quanto i sacrifici sostenuti per mantenerla. Nonostante i costi alti, oggi l’auto è diventata un mezzo di trasporto fondamentale, utilizzata anche per i piccoli spostamenti in città, un mezzo comodo ed essenziale per i mille impegni di un intero nucleo familiare.

Spesso, per questo motivo, le famiglie sono costrette a sostenere ogni anno il costo di più di un’automobile, quando, ad esempio, entrambi i genitori lavorano in città diverse e in differenti orari. Secondo una statistica italiana, l’auto, insieme alla casa, rappresenta il costo più alto che le famiglie devono sostenere, che impedisce loro di mettere da parte qualche risparmio o di godersi vacanze più lunghe. Ma quanti sono ancora disposti a fare questo sacrificio? Molti italiani sono alla ricerca affannosa di un’alternativa che consenta loro di avere un mezzo di trasporto ma a costi assolutamente più convenienti.

Tutti i fattori del caro auto

Ma quali sono i motivi che rendono il mantenimento di una macchina così alto? Cosa rende il mondo dell’auto tanto caro?

  • Acquisto e manutenzione

Quello che spaventa meno un automobilista è l’acquisto di un’auto, considerato che, rispetto ai costi successivi da affrontare, quello iniziale viene lentamente ammortizzato. L’unico problema che può emergere è l’acquisto di un’auto con difetti congeniti che è soggetta, per questo, a continue riparazioni già dai primi mesi dall’acquisto. Lo stesso dicasi per l’acquisto di un’auto di seconda mano che, in alcuni casi, può rivelarsi una vera e propria “zappa sui piedi” per il proprietario.

Ne consegue che un costo importante da sostenere viene ricoperto dalla manutenzione ordinaria e straordinaria, come il cambio di parti dell’auto usurate, sostituzione pneumatici e il tagliando biennale. Rientrano in questo grande calderone anche i costi accessori, come le catene da neve (dove occorrano), gli accessori per lo smartphone, in alcuni segmenti anche i mini PC che fungono da televisione, fino al seggiolone obbligatorio. Costi che sembrano irrisori ma gravano pesantemente quando sommati agli altri.

  • Carburante ed RC Auto

Considerati i veri nemici di tutti gli automobilisti, croce e delizia degli italiani, il carburante costituisce il pezzo più grande di questo grande puzzle, quello che fa girare l’ago della bilancia verso il segno meno. L’Italia, a ben vedere, detiene il triste primato dello stato con tasse IVA sul carburante più alte d’Europa. Che siano le incerte condizioni politiche del Medio Oriente e la cattiva gestione del nostro Governo nella razionalizzazione delle imposte, benzina e diesel sono diventati davvero un costo esorbitante.
Se si considera che molte famiglie possiedono due auto che si spostano quotidianamente fuori città e che sono in movimento per almeno metà della giornata, si comprende quanto la voce carburante sia davvero molto critica.

Un altro elemento è quello dell’RC Auto, un importo estremamente variabile in Italia; si consideri che esiste un grande divario tra le somme sostenute dagli automobilisti del nord e quelli del sud, con un primato per alcune regioni. La Campania, la Puglia e la Calabria, infatti, hanno standard economici di RC nettamente superiori rispetto a tutto il resto della penisola.

  • Spese marginali

Tra le spese marginali, ma non troppo, intendiamo il costo del parcheggio che ogni mese bisogna sostenere e quello del lavaggio. I pedaggi autostradali, ad esempio, influiscono negativamente su coloro che si recano a lavoro prendendo tangenziale e autostrada quotidianamente. Spese per prendere la patente, per il rinnovo e, infine, il costo delle eventuali contravvenzioni che toccano anche l’automobilista più attento.

Il divario tra Nord e Sud: quali sono le regioni complessivamente più svantaggiate?

Secondo uno studio di settore effettuato tra il 2018 e il 2019, vi sono alcune regioni del sud particolarmente penalizzate dal costo auto e sono la Campania, con una spesa annua complessiva che si aggira intorno ai 2.000€, seguita dalla Puglia con circa 1.900€ e la Calabria, con 1.800€. L’Umbria e il Veneto si aggirano sullo stesso livello ma con una minorazione del 14% rispetto agli anni passati. Segue il Molise, che vive un momento di ribasso costi nell’ultimo anno, tale da raggiungere la cifra di 1.500€, e la Liguria, dove il costo ruota intorno ai 1.400€ in modo stabile. Sebbene vi siano delle oscillazioni, si nota come il costo sia comunque elevato, per questo alcune associazioni di automobilisti hanno stilato una lista di consigli per consentire agli italiani di spendere meno e in modo intelligente.

Quali strategie per risparmiare sui costi auto?

Come anticipato, risparmiare è possibile se si adottano determinate strategie e si fanno le giuste scelte.

  • RC Auto competitiva: scegliere in modo oculato l’RC Auto più vantaggiosa per le proprie esigenze è possibile, basta richiedere dei preventivi sulle piattaforme web dove vengono inseriti i propri dati, quelli dell’auto e della località dove si vive. Vi sono siti che mettono a confronto le diverse società assicurative a parità di dati inseriti, in modo da facilitare al massimo il compito di chi chiede informazioni. La scelta sbagliata può far lievitare in modo esponenziale il costo annuo, già così alto.
  • Auto AFV: decidere di acquistare un’auto elettrica resta una delle scelte migliori da fare, grazie a costi bassi, assicurazione minima e grande rispetto per l’ambiente. Secondo uno studio dell’Associazione Nazionale Industria Automobilistica, in Europa c’è una forte crescita del fenomeno, tanto che si registrano circa 200 mila immatricolazioni tra UE ed EFTA. Regno Unito, Francia e Norvegia sono addirittura seconde al Belpaese, che ha registrato 50 mila immatricolazioni negli ultimi anni. Un buon risultato che, se ben canalizzato e pubblicizzato, può portare ulteriori incrementi a beneficio del conto in banca e dell’ambiente.
  • Car sharing: il fenomeno del car sharing è molto antico, soprattutto tra i ragazzi, ma sta aumentando anche tra gli adulti perché consente un’effettiva razionalizzazione dei costi. Si tratta di condividere la propria auto con altre 3 o 4 persone che, ogni giorno, devono dirigersi negli stessi luoghi di lavoro. In tal modo, l’auto viene presa a turno da tutti e 4, dividendo spese di pedaggi autostradali, parcheggio e carburante, dimezzando i costi e anche l’auto è soggetta a spese di manutenzione per usura inferiori. In Italia, il fenomeno è stato accolto positivamente in molte regioni, in particolare a Milano, Firenze, Roma e Torino.
  • Noleggio auto: anche il noleggio auto lungo termine privati può essere considerato in modo favorevole. Il noleggiatore a lungo termine sceglie periodicamente l’auto che preferisce pagando un canone mensile non alto, senza alcuna responsabilità in termini di assicurazione e manutenzione.

Come sopra illustrato, risparmiare è possibile se si sceglie in modo oculato ogni aspetto dell’auto, dall’acquisto alla manutenzione, fino ad un’attenzione maggiore al codice della strada che, quando rispettato, evita le fastidiose contravvenzioni.

Pulizie profonde e durature in metà tempo e senza fatica

Pulire la casa in maniera approfondita e duratura richiede tempo e fatica, così come la pulizia di locali di grande metratura, come ad esempio: bar, ristoranti, strutture pubbliche, e quant’altro; la tecnologia però ci viene in aiuto con macchine pensate proprio per aiutare a effettuare pulizie efficaci in breve tempo e con poca fatica, oggi in commercio si trovano tantissimi elettrodomestici che possono essere un valido supporto nelle pulizie di qualsiasi tipo di ambiente, ma fra tutti forse uno dei più efficaci ma anche il meno conosciuto è l’idropulitrice.

Per aziende o privati la soluzione è sempre geniale

Macchine per la pulizia che vengono prodotte principalmente per uso industriale, sono dispositivi di grandi dimensioni che riescono a pulire contemporaneamente superfici di molti metri quadri. Ma esistono anche delle versioni delle stesse macchine di dimensioni ridotte, che possono essere utilizzate per delle pulizie private, ovvero per appartamenti e Ville. Questo mercato negli ultimi tempi ha registrato una forte impennata, poiché le macchine vendute sono sempre di più. E gli acquirenti non sono più soltanto le grandi aziende o le realtà pubbliche, ma anche i privati che decidono di acquistare un’idropulitrice per le pulizie casalinghe. I costi e la manutenzione di un’idropulitrice non sono certo paragonabili a un comune elettrodomestico per la casa, ma la spesa comunque è compensata dalle eccellenti prestazioni; una macchina che igienizza, pulisce, lava, e asciuga contemporaneamente non è cosa da poco.

Acqua calda o fredda

A questo proposito possiamo anche sottolineare che non è necessario acquistare un’ idropulitrice nuova, sono valide anche le idropulitrici usate, poiché sono macchine costruite con materiali di prima qualità e pensate per durare nel tempo, capaci di sopportare molte ore di lavoro e a lunga scadenza. L’utilizzo dell’idropulitrici è molto semplice la macchina viene caricata con dell’acqua, dove è stato mescolato del detersivo apposito, è una volta azionata emette dei getti d’acqua spinti da una forte pressione, che in breve tempo disgregano lo sporco e lo raccolgono, come ultima azione la macchina asciuga il pavimento. In questo modo una volta che si è finito di passare l’idropulitrice il lavoro è completamente fatto e compiuto, con un grosso risparmio di tempo e di fatica.

Un ottimo affare

Ecco perché acquistare un’idropulitrice anche usata può essere un ottimo affare, queste macchine sono composte da una pompa dell’acqua ad alta pressione azionata da un motore che può essere sia a benzina che elettrico. Alcune macchine hanno la variante aggiuntiva di una caldaia che riscalda l’acqua, in modo da effettuare la pulizia con acqua calda, anziché con acqua fredda. Ovviamente è un tipo di macchina che va utilizzata in maniera consapevole. Perché se non si conosce perfettamente la modalità d’uso può essere pericolosa, per incidenti e malfunzionamenti. Ma questo vale comunque per qualunque elettrodomestico ci si appresti ad utilizzare. Se siamo intenzionati ad acquistare un idropulitrice usata è possibile trovare informazioni consigli e soluzioni anche in rete ad esempio consultando i siti dedicati a questo tipo di macchine.

Abitazioni antisismiche nel Nord Italia

Per comprendere la situazione sismica nel Nord Italia si utilizzano le cartine geografiche dell’Italia con la classificazione sismica al 2015 disegnata e distribuita dal Dipartimento della Protezione civile (Presidenza del Consiglio dei Ministri) Ufficio Rischio sismico e vulcanico. La suddivisione in zone è confermata nelle diverse variazioni dei Decreti Ministrativi che elaborano i testi con le norme antiterremoto che devono seguire scrupolosamente anche costruttori, ingegneri e progettisti edili. Nel NTC08/09 e 2018 si unisce una metodologia di calcolo più precisa basata sulla suddivisione del territorio italiano in punti da categorizzare in zona a rischio basso, medio, medio alto, altissimo.  I Gradi sono quattro: zona 1 intende sismicità alta, zona 2 sismicità medio alta, zona 3 sismicità medio bassa, zona 4 sismicità bassa.

Nel Nord Italia buona parte dei comuni, soprattutto verso il confine svizzero registrano una sismicità molto bassa, una zona 1 quindi rischio alto si registra nel Friuli (Terremoto del 1976). Lombardia (catena Alpi Trentine) e Liguria registrano zone sparse con livello medio. Analizzando la situazione globale italiana si conferma che il territorio italiano presenta attività sismica sull’80% della Penisola più la Sicilia, mentre la Sardegna rimane fuori dal rischio elevato. Il 20% di zone non sismiche o dal rischio basso si concentra nel Nord superando il confine di Marche, Toscana e Liguria, quest’ultima presenta la costa con sismicità 4 e i confini orientali e occidentali con rischio medio basso.

Progettare abitazioni antisismiche

Vanoncini SPA, società edile importante di Bergamo, costruisce abitazioni antisismiche in tutta Italia. Il suo fondatore, Piento Antonio Vanoncini ha introdotto nei primi anni Ottanta la costruzione con sistema a secco, applica buona parte delle conoscenze acquisite collaborando e studiando le imprese, i sistemi edili e i protocolli tedeschi (DIN). Oltre a costruire ha sviluppato delle ricerche scientifiche elaborate a livello accademico con il Politecnico di Milano.

Il sistema costruttivo a secco riesce a garantire qualità tecnica e strutturale utile per progettare abitazioni antisismiche, l’apertura del cantiere però deve essere anticipata da una’analisi del territorio e del suo rischio sismico, come abbiamo visto anche nel Nord Italia i terremoti possono mettere a rischio le case e la nostra penisola naviga su due placche, quella asiatica e africana, che cambieranno i dati e le informazioni finora scritte.

Il ruolo dell’ufficio tecnico

Le nuove norme indicate nel testo di legge NTC2018 impongono di inserire già nel progetto informazioni relative alla sicurezza antisismica delle costruzioni con test specifici sulla resistenza dei materiali, sulla possibilità di non correre rischi e salvarsi in caso di calamità. Uno degli studi tecnici Vanoncini ha questo compito, insieme ai suoi esperti, geologi e ingegneri, attua queste ricerche ed inserisce questi dati nel futuro progetto:

  • presenza di spazi definiti setti o nuclei di irrigidimento che hanno lo scopo di assorbire onde orizzontali del sisma;
  • sistemi anticollasso (gerarchia delle resistenze) che permettono in caso di terremoto forte il danneggiamento di travi o pareti prima che nelle strutture in modo che l’edificio pur non evitando crepe e danni non crolli al primo movimento
  • attenzione ai nodi strutturali che devono essere collegati con staffette specifiche e adeguate
  • presenza di dissipatori che rompendosi riescono a contrastare e disperdere l’energia del sisma che ricadrebbe sulla parte strutturale provocando l’immediata caduta dell’edificio.